Harvard, il MIT e il Children Museum
31/07/2014

Se come me siete cresciuti, guardando serie tv americane, dai Robinson ad Una mamma per amica, serie dove c’era sempre qualche studente promettente dai buoni voti, avrete certamente sentito nominare e immaginato la vita ad un campus americano… Il più prestigioso, il più famoso e il più ambito d’America: HARVARD! Gli edifici marroni con le finestrine bianche viste e riviste in televisione, con le aule, le biblioteche, i corridoi con gli armadietti, i dormitori, come pure le sedi delle congregazioni dove ogni anno migliaia di studenti si ritrovano per costruire il loro futuro. Passeggiare fra questi edifici, fa rivivere molte atmosfere e avventure seguite in tv.
Se poi avete un amico nerd o avete per qualche motivo frequentato i loro ambienti, avrete certamente sentito parlare del MIT.. Il Massachussets Institute of Technology. Il cuore delle menti geniali, la massima aspirazione per chiunque abbia frequentato o voglia frequentare una facoltà scientifica. Un giro nel museo vi farà capire e conoscere i cervelli che sono passati da qui!
Qui c’è anche la mostra di ologrammi più grande al mondo che devo dire ha trovato l’entusiasmo anche del nostro piccolo visitatore. Peccato solo non poter fare nemmeno una foto….
Se poi avete tempo e avete al seguito dei piccoli turisti, Boston offre lo straordinario Children Museum. Un paradiso di attrazioni ed esperimenti scientifici tutti realizzati a misura di bambino. Si va dalle prime sale dove giocando sulla spinta di palline in vari percorsi si ha una dimostrazione dell’energia cinetica, alla stanza dove è possibile sbizzarrirsi con le bolle di sapone. Il museo su 3 piani offre un’incredibile varietà di attrazioni e intrattenimenti basati sull’acqua, la luce, il movimento, il gioco simbolico e tantissime altre cose divise per fascia di età. Tempo da prevedere di circa tre ore ma vedrete che alla fine i vostri bambini ne usciranno entusiasti e anche voi che vi sarete immersi con loro nelle varie attività!

20140801-081133-29493466.jpg

Rispondi