Il Giardino dei Tarocchi: l’arte che fa riflettere anche i bambini
07/09/2016

Oggi vi voglio raccontare di una passeggiata che abbiamo fatto lo scorso week end nella bellissima cornice del Giardino dei Tarocchi. Questo giardino si trova in Maremma a pochi chilometri da Capalbio e fu realizzato da una donna tanto passionale quanto tormentata, che con la sua arte ha creato un luogo misterioso e magico allo stesso tempo.
Così mi sento di riassumere la vita e il genio di Niki De Saint Phalle, l’artista che ha portato la simbologia nelle sue opere, ha mescolato i colori e i materiali e ha creato questo bellissimo parco, unico nel suo genere.

Abbiamo visitato il giardino, accompagnati da una delle bravissime guide de Le Orme, che ci ha condotti per mano nella mente di Niki, ci ha descritto la sua arte, da dove è nata, come si è sviluppata e anche trasformata negli anni, tutto questo percorrendo il giardino e descrivendo le opere monumentali presenti, secondo il disegno che Niki stessa aveva ideato per i suoi visitatori.

Quello che mi sento di consigliarvi è di passeggiare nel parco e soffermarvi sui dettagli: gli angoli, i pavimenti, i rivestimenti, i vialetti tra le opere, gli specchi, i movimenti degli oggetti, tutto ha un significato e un messaggio che Niki ha voluto trasmettere. Sarete attorniati, oltre che dalle statue, da messaggi scritti e divulgati simbolicamente in ogni angolo, quindi prendetevi del tempo e cercate di leggerli con attenzione, per conoscere l’arte di Niki de Saint Phalle.

Il-Giardino-dei-Tarocchi--l'arte-che-fa-riflettere-anche-i-bambini

Già all’ingresso ci siamo trovati davanti ad un segnale profondo: l’imponente muro fatto costruire da Niki con una forte impronta maschile, ha l’intento di segnare il passaggio dalla quotidianità spesso grigia e poco stimolante, al suo mondo colorato e pieno di magia che si scopre all’interno del giardino.

E’ un luogo nato dalla sua mente, dai suoi sentimenti, dai suoi periodi più o meno tormentati; un luogo dove saltano sicuramente agli occhi le ispirazioni avute dal meraviglioso Parc Gruel di Barcellona ma anche dal Parco dei Mostri di Bomarzo.

Il Giardino dei Tarocchi- l'arte che fa riflettere anche i bambini
Niki De Saint Phalle fu una donna con un passato reso buio e tormentato dagli abusi subiti dal padre, che l’hanno presto condotta verso la depressione che l’ha accompagnata, fra alti e bassi, per tutta la sua vita. Scoprì, grazie ad uno psicologo che la ebbe in cura, che la pittura e l’arte erano nelle sue corde e così si avvicinò al Nouveau Réalisme, una corrente degli anni ’60-’70 fatta di artisti che sperimentavano nelle forme e nei materiali. Da qui e dalla sua passione per tutto ciò che è esoterico e magico, nacquero le forme del Giardino dei Tarocchi che rappresentano i 22 arcani maggiori dei tarocchi.

Proverò quindi a raccontarvi alcune delle opere, quelle che ci sono rimaste più impresse e che in molti casi hanno suscitato delle domande ma anche delle reazioni (ad esempio davanti alla statua della Giustizia) nei bambini che erano con noi. E questo credo che fosse proprio l’intento di Niki.

La FORZA è la prima statua su cui ci soffermiamo ed è rappresentata da un drago di colore verde che con la sua forza fronteggia una fanciulla eterea con atteggiamento risoluto e che tiene in mano un guinzaglio invisibile. Questo animale altro non è che la rappresentazione delle paure interiori, dei demoni tenuti a bada dalla forza del nostro io.

Il Giardino dei Tarocchi- l'arte che fa riflettere anche i bambini

Andando oltre si trova la MORTE: in quest’opera c’è un cavallo ricoperto da un manto di stelle e sopra una figura con un teschio che rappresenta appunto la morte che tiene in mano una falce con cui miete vittime. Dal collo in giu c’è invece il corpo di una donna formosa, caratteristica ricorrente nelle opere di Niki. Qui presentata per la forte convinzione che la morte sia necessaria per far nascere nuove vite e per fare spazio alle nuove generazioni, in modo che ci sia un cambiamento in positivo.

Il Giardino dei Tarocchi- l'arte che fa riflettere anche i bambini

Il Giardino dei Tarocchi- l'arte che fa riflettere anche i bambiniIl PELLEGRINO è una statua leggera (fa parte infatti della serie di opere cosidette skinny) e contrariamente ad altre, è molto allegra.
C’è la rappresentazione dell’uomo che vaga senza sosta ma che viaggia senza bisogno di altro se non di un bastone e del suo amico fidato, un cagnolino. E’ un immagine di serenità che ci è rimasta molto impressa.

Il MONDO per Niki incarnava la speranza, perciò lo creò a forma di uovo avvolto da un serpente che qui prende il significato di Sapienza dalle culture orientali.
Sopra svetta una donna perche Niki le ha sempre privilegiate e mostrate, nelle sue opere, felici del loro corpo. Con le forme arrugginite poste sotto volle invece rappresentare le brutture del mondo.

Il Giardino dei Tarocchi- l'arte che fa riflettere anche i bambini

L’IMPICCATO, anche questo ispirato ad uno degli arcani dei tarocchi  è stato rappresentato insieme all’albero della vita e appeso per un piede. In questo modo, secondo Niki, sarebbe stato in grado di vedere il mondo da un’altra prospettiva.

La GIUSTIZIA, l’enorme statua bianca e nera presentata nelle sembianze di una imponente donna formosa, fa nascere invece il desiderio, quasi il fastidio di essere al suo cospetto. Questo perchè la statua è cava e dentro tiene a bada l’Ingiustizia rappresentata da un meccanismo di assemblaggi metallici e scheletri che stridono e creano repulsione e danno fastidio. Qui i bambini hanno sentito per davvero il desiderio di allontanarsi e non sentire il rumore fastidioso che provocava l’Ingiustizia, avendo quasi paura dello stridore che sentivano: uno dei punti più significativi della simbologia espressa dall’artista.

Il Giardino dei Tarocchi- l'arte che fa riflettere anche i bambini

L’EREMITA è stato rappresentato come un saggio dal grande cuore, la barba e un bastone che ne rappresenta la sua sapienza.

Il PROFETA e l’ORACOLO parlano invece del futuro. Entrambe le statue infatti sono state costruite per poterci entrare dentro e meditare, ascoltando ciò che queste figure hanno da dirci. In questo modo Niki voleva che ognuno di noi ascoltasse la voce del proprio io per capire cosa vogliamo.

Poi ci sono loro… l’IMPERATORE e l’IMPERATRICE: l’uomo e la donna.

L’IMPERATORE porta con sè molti elementi: un razzo, perche l’uomo é spinto alla ricerca continua, ma anche una torre di Babele spezzata da un fulmine, posta a rappresentare la superbia dell’uomo che viene ad un certo momento infranta.

Il-Giardino-dei-Tarocchi--l'arte-che-fa-riflettere-anche-i-bambini
Al suo interno, un bellissimo porticato composto da 22 colonne ognuna creata con un motivo diverso. All’interno di questa statua come di tutto il parco, ci sono tantissimi dettagli da cogliere. Qui per esempio, oltre ai nomi di tutte le persone che le sono state vicine, c’è una statua di un uomo col cuore strappato e insanguinato, poco più in là una bellissima donna con i capelli rossi fluenti che sembra voler sottolineare la loro distanza: è così che Niki volle rappresentare se stessa al cospetto di suo padre.

L’IMPERATRICE è stata la casa di Niki per 10 anni. Fuori una figura prorompente di donna formosa che guarda l’orizzonte.

Il-Giardino-dei-Tarocchi--l'arte-che-fa-riflettere-anche-i-bambini

Dentro un ambiente completamente rivestito, in ogni ambiente, da frammenti di specchi dove però non ci si riesce a specchiare per intero, proprio perchè, oppressa dal suo tormento, Niki non riusciva a guardare la sua immagine.

Il-Giardino-dei-Tarocchi--l'arte-che-fa-riflettere-anche-i-bambini

L’ultima statua del percorso disegnato da Niki all’interno del Giardino dei Tarocchi è la TEMPERANZA, forse l’arcano dei tarocchi più lontano dalla mente di Niki. Ma proprio per questo, vissuto come l’ultimo gradino verso la via d’uscita ed infatti è stata rappresentata da un igloo sopra al quale è stato posto un angelo con le brocche piene di acqua, intento a mescolare passione e ragione.
È lo stato mentale, la pace, che Niki trovò solo dopo molti anni. Qui dentro, a differenza dell’Imperatrice, le pareti sono ricoperte da frammenti di specchi che invece consentono a tutti di specchiarsi, anzi di guardarsi negli occhi infinite volte.

http://annex.menarini-ricerche.it/it-it/

Il Giardino dei Tarocchi ha bisogno di tempo per essere osservato e interpretato. Ogni angolo ha un segno, un simbolo lasciato da questa artista. Ogni mattonella ha una sua storia, una simbologia da cercare. E spiegarlo ai bambini è stato quasi come fare una bellissima caccia al tesoro con loro.

Per informazioni: www.il giardinodeitarocchi.it

7 thoughts on “Il Giardino dei Tarocchi: l’arte che fa riflettere anche i bambini

  1. Questo giardino è meraviglioso, non lo conoscevo, ma me lo segno sull’agenda perché mi piacerebbe proprio visitarlo, è il tipo di parco che mi piace, particolare, tranquillo ma soprattutto emozionante.

    1. Si è molto emozionante. A me ha colpito molto la simbologia che è stata rappresentata, in alcuni momenti mi ha fatto restare senza parole!

  2. Ciao Paola, molto interessante questo articolo! Il Giardino dei Tarocchi è nella mia wishlist da un sacco di tempo. Mi sono piaciuti tantissimo il Parc Guell e il Bosco Sacro, per cui credo che anche questo parco potrebbe piacermi molto! Hai scritto molte informazioni, davvero un bel lavoro 🙂
    A presto!

    1. Grazie Agnese!! Se puó essere utile, sono contenta! Io ne avevo sentito parlare, avevo visto delle foto ma dal vivo è molto di più! Mi ha colpito molto e anche mio figlio mi ha fatto tante domande!

  3. Ci sono stata anche io poco tempo fa al giardino, però devo ammettere che non condivido tutto questo entusiasmo! Non so, mi ha trasmesso poco, poi non l’ho trovato neanche particolarmente tenuto bene… diciamo che mi aspettavo di più visto che tutti ne parlano così bene. Ma ognuno ha i propri gusti alla fine 🙂

    1. Ciao Diletta! Beh, sicuramente è tutto soggettivo. Noi siamo stati trascinati molto dalla guida che ci ha accompagnati e ci ha molto incuriosito e fatto riflettere. Peró capisco che possa non essere così per tutti 😉

Rispondi