L’isola di Brioni in bicicletta: la nostra esperienza
17/10/2016

Una delle escursioni che avevamo previsto nei giorni della nostra permanenza a Fažana, era quella di visitare l’isola di Brioni, meglio conosciuta come l’isola di Tito. Avevamo letto che il modo migliore per girare nell’isola, sarebbe stato con la bicicletta e così abbiamo prenotato, oltre al traghetto, anche il noleggio di 3 biciclette.

Siamo partiti con uno dei primi traghetti della mattina (alle 10): la traversata è stata piuttosto breve, le isole si vedevano bene dal molo di Fazana e in circa 15 minuti siamo arrivati dall’altra parte. In realtà si tratta di un vero e proprio Parco Nazionale, costituito da un arcipelago di cui fanno parte due grandi isole, Veli Brijun, quella più famosa e che noi abbiamo visitato, Mali Brijuni e 12 isolotti attorno.

Le isole sono diventate famose con l’imperatore Tito che fece sull’Isola Maggiore la sua residenza privata dal 1947 al 1980 e ogni anno per sei mesi all’anno, stava qui, ospitando capi di stato, personaggi famosi dello spettacolo e della cultura. Da qui governò la Iugoslavia, sancì importanti accordi, organizzò più di 50 conferenze per la creazione del  sistema sociale iugoslavo, curò il Parco Safari realizzato con gli animali che ricevette in dono, come pure si dedicò a molti interessi come quello per le piantagioni di caffè che portò per primo da queste parti.

Appena scesi dalla nave, ci siamo trovati davanti due imponenti costruzioni: l’Hotel Nettuno di impronta comunista, dove l’imperatore Tito faceva alloggiare i suoi ospiti  e l’Hotel Karmen più di stile sovietico, rifugio ancora oggi di nobili, intellettuali e scrittori.

isola-di-brioni-in-bicicletta

isola-di-brioni-in-biciclettaIl deposito delle biciclette si trova subito a fianco dei due hotel e, oltre alle bici (il noleggio costa circa 110 kune per tutta la giornata), è possibile noleggiare risciò a pedali e golf car.
E’ vietato invece portare le proprie biciclette sull’isola.
Se siete interessati al noleggio, vi consiglio di prenotare uno di questi mezzi, perchè c’è tanta gente che arriva sull’isola sebbene poi non se ne abbia evidenza. In più, se, come noi, volete noleggiare una bici per i bambini, potreste rischiare di non trovarla perchè ce ne sono poche per la fascia di età 4-7 anni.

Per fare il giro in bici seguendo il percorso completo dell’isola, di circa 13km, noi ci abbiamo impiegato circa 3 ore.
La strada presenta qualche dislivello, ma considerate che ci sono anche tante soste da fare, quindi anche con bambini dell’età del nostro il percorso è fattibile. Ovviamente se anche ai vostri bambini piace andare in bicicletta.. 🙂

Sull’isola non ci sono bar o ristoranti ad eccezione della zona del molo. I ristoranti comunque sono solo due e sono quelli degli hotel, ma ci sono un paio di chioschi per sandwich e bevande.
La cosa migliore per girare l’isola, secondo noi, è portarsi il pranzo al sacco  e mangiare lungo il percorso.

isola-di-brioni-in-biciclettaE’ possibile anche prenotare un tour, disponibile in varie lingue, che parte proprio in coincidenza degli arrivi in traghetto a Brioni. Si svolge con un trenino che percorre solo in parte l’isola, ma se avete bambini troppo piccoli per andare in bici o volete prendervela più comoda, può essere la soluzione ideale.

Noi abbiamo preferito girarla da soli, in bici, per esplorare la natura selvaggia, sentire gli odori e contemplare i colori di questo lembo di terra.

Una volta prese le bici, abbiamo iniziato il percorso in direzione sud. Una delle prime soste e anche una delle più belle da cui ammirare il paesaggio l’abbiamo fatta da questo belvedere centenario (il Kupelwieser) dal quale si ammira l’isola a perdita d’occhio.

Proseguendo lungo il percorso abbiamo trovato i resti dell’antico passato di Brioni: una villa romana, un’intera città bizantina che fu in passato densamente popolata e una bellissima basilica cristiana dedicata alla Madonna.

isola-di-brioni-in-bicicletta

isola-di-brioni-in-bicicletta

isola-di-brioni-in-bicicletta

isola-di-brioni-in-bicicletta

Uno dei passaggi comunque più densi di significato per quest’isola è rappresentato dal Sentiero delle Buone Vibrazioni: un sentiero attraverso punti panoramici dove ci si ferma a rilassarsi, contemplando la bellezza e la serenità di quest’isola.
Le buone vibrazioni sono quelle che si percepiscono qui e il loro effetto consente di modellare positivamente la vita di tutti i giorni. Per questo mi piace pensare che sia un luogo dove magari tornare per ritrovarsi e fare pace con tutto ciò che ci circonda. Una magia che si percepisce e che culmina nel dondolo artistico, dove sedersi, guardare il mare e contemplare il magico potere della natura.

isola-di-brioni-in-bicicletta

isola-di-brioni-in-biciclettaImmancabile per i più piccoli la sosta allo Zoo Safari costruito dall’imperatore Tito e dove ancora oggi è possibile vedere molti animali: zebre, bisonti, elefanti, mucche indiane, lama, struzzi, pecore somale e molti altri.

Vicino allo zoo c’è poi anche un piccolo percorso didattico da fare a piedi per cercare le orme tridattili di dinosauri bipedi che abitarono l’isola migliaia di anni fa. Anche questa, con i bambini, è una tappa obbligata.

isola-di-brioni-in-bicicletta

Tornando verso il porto e riavvicinandoci al nucleo abitato dell’isola, ci siamo fermati alla mostra su Tito dove al pianterreno si trovano diverse sale con gli animali impagliati che hanno vissuto qui all’epoca dell’imperatore. A mio figlio è piaciuta così tanto che ha voluto rifare il giro 3 volte!
Al primo piano invece c’è una bellissima esposizione di fotografie che ritraggono Tito con tutti i capi di stato e personaggi illustri che vennero in visita sull’isola di Brioni: da Gandhi a Fidel Castro, ma anche volti dello spettacolo da Sofia Loren a Elisabeth Taylor.

Davanti al museo si può ammirare anche la Cadillac originale, usata da Tito per mostrare l’isola ai suoi ospiti. A giudicare dai cartelli esposti è addirittura possibile prenotare un giro per l’isola a bordo dell’auto.

isola-di-brioni-in-bicicletta

Prima di lasciare l’isola di Brioni e la sua pace, non ci siamo fatti mancare un tuffo nelle acque cristalline che la circondano. Ci sono tantissime spiaggette anche lungo il percorso, dove ci si può fermare, ma noi abbiamo privilegiato l’escursione in bici attraverso l’isola quindi, solo dopo aver lasciato le bici al noleggio, ci siamo rilassati con un bel bagno.

Brijoni è da vivere in ogni sua sfumatura, contemplandone la bellezza, la pace e la sua magia: un luogo affascinante per noi e una scoperta continua per i più piccoli.

Per informazioni sui traghetti, i tour guidati e il noleggio delle bici, visitate il sito www.np-brijuni.hr/it/

23 thoughts on “L’isola di Brioni in bicicletta: la nostra esperienza

    1. Assolutamente si! Potendolo fare, Brioni è da vivere in assoluta libertá e con i propri tempi. A noi è piaciuta di più così! Grazie mille per essere passati da qui 😉

  1. La Croazia è uno dei luoghi che voglio visitare da tempo. Non conoscevo quest’isola, ma mi sembra molto interessante. Deve essere bello passare una giornata di relax senza sentire le migliaia di automobili che circolano ormai praticamente ovunque.

    1. A dire il vero il giorno che ci siamo andati noi, il tempo era incerto, ma non ha mai piovuto mentre sulla terra ferma si! 😉

  2. Mai sentito parlare di questa isola, ma sembra veramente interessante. Anche dal punto di vista storico, ci sono molte curiosità e mi piace scoprire questi lati dei luoghi che visito. Grazie 🙂

    1. Ciao Valeria, scusa il ritardo ma non so come mai alcune notifiche mi sono “scappate”
      Grazie a te di essere passata, sono contento di averti “ispirata” per un nuovo viaggio 🙂

  3. Molto interessante! Purtroppo ho poche conoscenze sulla Croazia, e quest’isola proprio non la conoscevo, ma già mi piace moltissimo! Ci sono storia, animali, natura, mare, pace…e poi vabbè, il Sentiero delle Buone Vibrazioni mette il sorriso solo a parlarne 🙂
    Grazie per avermela fatta scoprire 🙂

  4. Sicuramente una bellissima esperienza.
    Durante i viaggi mi piace moltissimo passeggiare e scoprire nuovi posti a piedi ma ancora di più con la bicicletta 🙂

    1. Ciao Valentina! Scusami del ritardo ma c’è stato qualche intoppo nelle notifiche.
      si hai ragione, la Croazia è davvero un paese da visitare, non fermandosi solo al suo bellissimo mare

    1. Eh eh.. diciamo che aveva messo su un bell’angolo di paradiso!! 😉 grazie per essere passata!

Rispondi